Drone analysis

I “Droni” sono su tutti i quotidiani, sugli schermi televisivi dei TG, sui principali networks e presto, dicono, trasporteranno anche i nostri acquisti, sarà un “112 volante” per il primo intervento, un “Vigilantes Alato” per la nostra sicurezza, una “Ambulanza Drone capace di trasportare in tempi record un defibrillatore di circa 4 kg sul luogo della chiamata.

Il “Drone” è già in uso ai fotografi per immortalare le nostre ricorrenze, è un vero aiuto per i contadini nello sviluppo dell’agricoltura di precisione ed è diventato un nuovo strumento fotogrammetrico per ingegneri, architetti, geometri ed archeologi.

Pensare ad un “Drone” significa pensare a qualcosa che va dal giocattolo ad una “macchina professionale” (aeromobile), da un aeromodello   a un “Drone sportivo” (FPV Racing da gara sportiva), e, se usato in modo criminoso e terroristico, può divenire un “arma letale”.

L’oggetto in questione, che incute “terrore tecnologico” in molti, seppur semplice da un punto di vista strutturale e di utilizzo, appartiene ad una categoria di strumenti di non facile comprensione.

Ti senti domandare se quel tizio è autorizzato a volare nella piazza del paese, a sorvolare il corteo di manifestanti, a riprendere i bambini all’uscita da scuola o gli spettatori di un concerto… a volare sopra su un’autostrada, sui binari della ferrovia, in prossimità di un aeroporto e/o su qualsiasi centro abitato! E poi ancora, un amico che ha acquistato un piccolo Drone in caso di uso improprio. Arriva inoltre l’appassionato di aeromodellismo che si interroga se l’assicurazione è obbligatoria, se può volare solo nei campi volo e se è obbligatorio l’attestato. Non per ultimo, tuo figlio ti comunica che, con quel “Drone giocattolo” regalato lo scorso anno, sta facendo delle gare con alcuni amici vicino al parco e avrebbe bisogno di occhiali immersivi FPV in modo da poter pilotare il “Drone” da seduto attraverso le immagini trasmesse dalla telecamera di bordo.

Infine, durante una sera d’estate, ti viene chiesto da un cittadino di uscire fuori per verificare la presenza di un ufo nel cielo sovrastante. Seppur sconcertato, avvertito un ronzio simile a quello di una mosca, ti appresti a verificare e constati la reale presenza di un “Drone” che sorvola un obiettivo sensibile in orario notturno.

Tratto dal : Manuale Operativo – “DRONE Giocattolo Aeromodello SAPR” di Coluccia Sabatino .

Tutto questo e molto altro verrà discusso e approfondito in occasione di DRONES URBAN SECURITY del 15-16 Marzo 2019 a Matera, capitale della cultura Europea 2019.