Matera2019: Minaccia & Sicurezza

Il mercato dei Droni Civili è in piena esplosione e lo sviluppo tecnologico rende accessibili a prezzi sempre più modesti DRONI con prestazioni sempre più raffinate.

Oggi nella fascia di prezzo che va da 500€ a 2000€ è possibile acquistare, in maniera totalmente anonima, mezzi in grado di essere pilotati molto facilmente, di compiere missioni automatiche su waypoint predefiniti su una mappa di Google, con un range fino 4 – 5 km dal pilota e dotati di telecamere ad alte prestazioni.

La quantità di Droni Civili presenti sul mercato mondiale attualmente è stimata in 10 milioni con una previsione di superare il 50 milioni prima del 2025.

Solo in occasione del Natale 2018 sono stati venduti circa 1.5 milioni di Droni.

I numeri sono impressionanti.

Lo strumento Drone consente di sviluppare infinite applicazioni professionali che andranno a modificare profondamente tantissime ATTIVITÀ.

Ma come tutti gli strumenti, può essere utilizzato tanto per il bene quanto per il male.

Secondo il Diritto Internazionale dei diritti umani, ogni Stato ha il dovere di esercitare le proprie prerogative attraverso i Droni senza privare ingiustamente le persone della vita, dei loro altri diritti E della libertà.

Un Drone, per il solo fatto che è un oggetto con una determinata massa / peso che vola, rappresenta una fonte di PERICOLO.

Questa fonte di PERICOLO, rappresenta un RISCHIO, più o meno elevato in funzione delle diverse variabili, soprattutto per:

  • Tutti i CITTADINI
  • Le infrastrutture e siti sensibili
  • Il traffico aereo

Il rischio è in ogni luogo: proprietà private, edifici pubblici, edifici governativi, piazze, aeroporti, ferrovie, autostrade, basi militari, case circondariali, siti industriali, eventi, concerti, processioni religiose e cortei, sono tutti potenziali bersagli (OBJ) di intrusione Droni.

Sono facili da acquistare e possono essere pilotati anche da individui inesperti, con il rischio di provocare danni a cose o persone.

Il dovere di uno Stato è di proteggere la popolazione da azioni dolose o colpose di terzi.

Inizialmente concepiti per soddisfare esigenze in ambito strettamente militare, soprattutto per missioni “sporche” ed estremamente prolungate e pericolose, gli A.P.R.  hanno dato prova di grande flessibilità d’impiego e si stanno dimostrando validi strumenti per rispondere a svariati requisiti operativi.

In particolare in quest’ultimo periodo si è registrato un crescente interesse ad utilizzare tale sistema in ambito civile e di sicurezza, grazie soprattutto ad un’evoluzione in campo tecnologico che ha permesso un sensibile incremento delle performance strutturali nonché degli aspetti capacitivi.